Il semipresidenzialimso è uno schiaffo alla Costituzione. Altre le riforme urgenti

luglio 25, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

“PdL e Lega stanno cercando in tutti i modi di schiaffeggiare la Costituzione. Il semipresidenzialismo votato ieri in Senato dalla vecchia maggioranza, rinsaldatasi per puri interessi propagandistici, tradisce il ruolo super partes del capo dello Stato”. A dichiararlo, intervenendo a Radio Anch’io stamattina, il presidente dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “l’Italia è una Repubblica parlamentare e non si può stravolgere la Costituzione senza un dibattito approfondito e senza coinvolgere il Paese. Passare al semipresidenzialismo, infatti, equivale a cambiare l’ossatura sui cui si basa la nostra democrazia. E’ impensabile e offensivo verso i padri costituenti farlo a fine legislatura, di corsa, per meri calcoli elettorali. Con la modifica voluta da PdL e Lega verrebbe meno la centralità del Parlamento “.

“Le riforme da fare sono altre. E’ possibile agire velocemente – aggiunge Belisario – con il dimezzamento del numero dei parlamentari, come chiedono a gran voce i cittadini, e con la riforma dei regolamenti parlamentari, un iter legislativo più veloce che garantisce anche i diritti delle opposizioni. Sulla legge elettorale, di cui tanto si parla con ipotesi fantascientifiche, Italia dei Valori  ha la coscienza a posto. Con il comitato per il referendum abbiamo raccolto un milione e 200mila firme per abrogare il Porcellum. Abbiamo presentato un disegno di legge che ricalca il quesito referendario. Per noi la strada immediata e urgente da prendere è quella del ritorno al Mattarellum:  un sistema sostanzialmente maggioritario, con una correzione proporzionale. Basterebbe questo e  la legge sarebbe bella e fatta. Gli italiani vogliono tornare al voto, conoscendo prima programmi, alleanze e leadership. Non c’è più tempo da perdere, mercati ed Europa ci dicono chiaramente che con questo governo non andiamo da nessuna parte”.

Abbandoniamo l’aula: la crisi infiamma e il Senato è bloccato

luglio 24, 2012 in Comunicati Stampa

 

“L’Italia dei Valori non si presta a fare da commediante alla sceneggiata messa in piedi sul semi presidenzialismo. Si tratta di una discussione autoreferenziale della vecchia ditta Pdl-Lega, a cui non partecipiamo e per questo abbiamo deciso di abbandonare l’aula. E’ inaccettabile che si perda tempo prezioso fregando gli italiani, solo per la velleità di due forze politiche che vogliono stravolgere la Costituzione e usarla per fare propaganda con una improbabile riforma che non verrà mai approvata”. Lo dichiara il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario.

 

“La crisi è drammatica e il Parlamento – continua Belisario – è bloccato su provvedimenti inutili. Bisognerebbe invece discutere della spending review per migliorarla perché, così come è, è invotabile. Abbiamo presentato le nostre proposte per migliorare il dl, ma resta blindato dal Governo. In una situazione di estrema difficoltà economica e finanziaria che coinvolge il nostro Paese, il Governo trova il tempo per l’ennesimo decreto strampalato che, una volta approvato, genererà pericolosi tagli lineari, mettendo a rischio i servizi minimi sociali, asili e trasporti. Ancora una volta con questo decreto il Governo Monti e la maggioranza provvisoria si sono dimostrati del tutto incapaci di attivare le misure per risollevare le sorti del Paese. Per questo lo ribadiamo – conclude Belisario – bisogna andare subito al voto con una nuova legge elettorale”.

 

Il papocchio del semipresidenzialismo e le finte riforme

giugno 21, 2012 in Politica

Stanno facendo un papocchio confuso e pericoloso. Stanno devastando la Costituzione con un progetto di riforma pessimo sotto tutti i punti di vista. Prendete il semipresidenzialismo: già nella Costituzione attuale il sistema delle garanzie sta venendo meno a causa di una serie di forzature e di una evidente debolezza del Parlamento rispetto ad altre Istituzioni. Il complesso sistema di pesi e contrappesi voluto dai costituenti, che ha funzionato molto bene finora, rischia ormai di deflagrare a cuasa dei continui colpi di mano degli ultimi venti anni e che continuano ancora oggi. Continua a leggere →

Al Senato un’indegna sceneggiata per non far nessuna riforma credibile, IdV non permetterà lo scempio della Costituzione

giugno 21, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

“Altro che riforma costituzionale, oggi nell’Aula del Senato abbiamo assistito ad una indegna sceneggiata per non fare nessuna credibile riforma”. Lo afferma il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, che aggiunge: “Emendamenti che ritornano in commissione, semipresidenzialismo del Pdl barattato con il Senato federale della Lega, riduzione minima del numero dei parlamentari, condannati per reati dolosi che potranno continuare a sedere in Parlamento. Insomma, un pasticcio senza limiti. Anche il presidente Schifani ci ha messo del suo contingentando i tempi come se si discutesse di sciocchezze e non della riforma della nostra Carta fondamentale. L’Italia dei Valori – conclude Belisario – continuerà la sua battaglia per evitare lo scempio della Costituzione”.

Il ddl di riforma costituzionale è una balena spiaggiata, torni in Commissione

giugno 21, 2012 in Comunicati Stampa

 

 

“L’IdV in Senato aveva già bocciato senza appello la riformetta approdata in Aula, che in concreto dava solo una piccola sforbiciata al numero dei parlamentari. Poi il testo è stato definitivamente peggiorato con lo stravolgimento dell’architettura costituzionale proposto dal Pdl con il semipresidenzialismo. Restiamo quindi contrari a questa riforma nel metodo e nel merito, perché siamo ancora una volta di fronte ad un provvedimento confuso e pasticciato che non porterà a nulla: il ddl è ormai una balena spiaggiata”. Lo ha dichiarato, intervendo in Aula, il Capogruppo IdV al Senato, Felice Belisario. “L’Italia dei Valori – ha aggiunto – ha presentato le sue proposte, a partire dal Senato inteso come Camera delle autonomie, che è una riforma istituzionale senz’altro più chiara ed efficace del cosiddetto bicameralismo eventuale. Ma è evidente che non ci sono le condizioni per portare avanti il benché minimo confronto, più volte abbiamo chiesto che non si passasse ad esaminare gli articoli perché palesemente inammissibili e solo ora anche i partiti di maggioranza si rendono conto che non riusciranno a cavare il ragno dal buco. Non c’è alternativa, bisogna rispedire il testo in Commissione per rivedere completamente lo spirito di questa riforma. Il Presidente Schifani deve assumersi le proprie responsabilità, soprattutto – ha concluso Belisario – per quanto riguarda gli articoli approdati in maniera invasiva in Aula, senza alcun approfondimento”.