L’inaffidabile Berlusconi affossa i mercati

novembre 9, 2011 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

Anora una volta, il premier ha anteposto i suoi interessi a quelli del Paese e spera di salvare la pelle con i soliti giochetti di Palazzo. La  ’promessa’ di dimissioni non piace ai mercati perché chi la promette è inaffidabile. Lo spread è arrivato a livelli record, la borsa continua a crollare e il Paese si ritrova in un cul de sac per colpa di un presidente del consiglio che non intende scollarsi dalla rassicurante poltrona. Altro che ‘non mi interessa la cadrega’!. In un Paese normale, le dimissioni non si annunciano, si danno. Ma la correttezza, si sa,  non appartiene a Berlusconi. Meglio andare a elezioni, subito, senza ulteriori trucchi e inganni”. Lo ha detto il presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario.

I mercati hanno già votato la sfiducia al Governo, il Parlamento deve solo formalizzarla

novembre 8, 2011 in Comunicati Stampa

“Ora che lo spread ha sfiorato i 500 punti, è evidente che i mercati hanno già votato la sfiducia al premier senza aspettare il passaggio in Aula: il Parlamento ha il dovere di formalizzare l’assenza di una maggioranza politica, esprimendo così la volontà del Paese reale esasperato da questo Governo che ci sta portando alla bancarotta. Se Berlusconi vuole vedere in faccia chi gli ha tolto il consenso, esca dal bunker e vada nelle piazze: troverà i cittadini stanchi dei suoi trucchetti che chiedono a gran voce una svolta. Ostinandosi a restare inchiodato alla poltrona, lista di peones e calcolatrice alla mano, non farà che prolungare un’inutile agonia. Solo un Governo non avulso dal dramma economico degli italiani può ridare credibilità al Paese”. Lo dichiara il Presidente dei Senatori IdV, Felice Belisario.

 

Dimissione Berlusconi è miracolo per Italia

novembre 7, 2011 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

“La notizia sulle possibili dimissioni di Berlusconi non sorprende affatto: il Re è nudo da tanto, troppo tempo. Un suo passo indietro sarebbe un miracolo per l’Italia”. Lo dichiara il presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “L’incertezza politica di questi lunghi mesi si è tradotta per il Paese in incertezza economica gravissima. I continui crolli delle Borse e le continue impennate dello spread, oggi arrivato addirittura a 488 punti, non sono solo frutto di dissennate speculazioni, sono il segno che il governo, tirando a campare, sta affossando l’Italia. La manovra senza riforme, senza misure per la crescita e piena di iniquità, ci sta portando fuori dall’Europa. E’ ora di voltare pagina e – conclude Belisario – restituire al più presto la parola ai cittadini, prima che sia troppo tardi”.

In Europa opposizioni più credibili del governo

ottobre 31, 2011 in Comunicati Stampa, Italia dei Valori, Lavoro, Politica

“Il vero strappo alla democrazia è avere un governo che, nonostante quello che succede sui mercati continua a dire che va tutto bene e resta sordo alle richieste, ormai esasperate, del Paese”. Ad affermarlo il presidente dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge “il centrodestra attacca la proposta di Di Pietro di una lettera delle opposizioni all’Unione Europea, ma mi chiedo davvero con quale faccia tosta. Basta leggere i dati di oggi: Milano apre come peggiore borsa d’Europa,  lo spread tra il Btp e l’analogo bund tedesco balza di nuovo sopra i 400 punti, mentre gli interessi suol decennale italiano volano  sopra il 6%. Come se non bastasse l’Istat parla di un’inflazione al 3,4% e un boom di disoccupati, che a settembre sfiora l’8,3%. Fossi nei panni del centrodestra rimarrei in religioso silenzio, ricordando soprattutto che a tutto questo Berlusconi propone come soluzione i licenziamenti facili, e, quindi, un’ulteriore indebolimento del potere d’acquisto e del tenore di vita degli italiani. L’Italia dei Valori – conclude Belisario – ha ascoltato e  raccolto le reazioni indignate dei cittadini e delle parti sociali e ha pensato di presentarsi all’Europa con una manovra che raggiunga gli stessi risultati, senza provocare quello scontro sociale su cui il governo sta innescando la miccia. Capisco sia difficile per la maggioranza digerire la verità: ma l’opposizione all’estero è molto più credibile del governo”.

CON LA DEMOCRAZIA PARTECIPATA SFIDUCIAMO DAL BASSO UN GOVERNO ARROGANTE E INAFFIDABILE

settembre 6, 2011 in Economia, Elezioni, Politica

I cittadini hanno affollato cento piazze d’Italia aderendo ad uno sciopero che non riguarda solo le ragioni della Cgil, ma rappresenta la protesta di un intero Paese esasperato e indignato dalle misure inique, recessive e insufficienti previste dalla manovra. L’IdV ha aderito sin dal principio alla manifestazione di oggi contro un provvedimento che, con il passare delle ore, raccoglie critiche sempre più numerose e trasversali. Abbiamo immediatamente capito che bisognava scendere in piazza ed opporsi a questo Governo ormai sbullonato, intenzionato ad andare per la sua strada con grave senso di irresponsabilità: infatti, il Consiglio dei Ministri ha deciso di porre la fiducia sul maxiemendamento alla manovra. Un atto di disprezzo verso il Parlamento e i cittadini, l’ennesimo di una lunga serie che ci ha portati ad un passo dal default.

Continua a leggere →