Gli ultimi giorni di Pompei

novembre 3, 2011 in Economia, Politica

Quando fedelissimi come Isabella Bertolini, Giorgio Stracquadanio o Maurizio Paniz manifestano un forte disagio, quando due deputati finora fedeli come Ida D’Ippolito e Alessio Bonciani annunciano il passaggio dal Pdl all’Udc, quando tre (ir)responsabili passano al gruppo Misto, significa che siamo agli ultimi giorni di Pompei. Il riferimento alla cittadina vesuviana non è casuale. Pompei è il simbolo plastico della decadenza di un governo che sta cadendo a pezzi, muro dopo muro e, come nella Pompei di 2000 anni fa, la vita continua ogni giorno come se nulla stesse per accadere. Continua a leggere →

TREMONTI ALLA CAMERA HA DETTO COSE INUTILI E IN MODO ARROGANTE E SCORRETTO

agosto 11, 2011 in Economia, Politica, Sociale

Visualizza il Video su Youtube
Stamattina ero lì, proprio nella sala del Mappamondo, a sentire quello che diceva il ministro dell’Economia sulla crisi. Ebbene, nel merito è non classificato perché non ha detto nulla, proprio come ieri alle parti sociali. Il metodo è stato ancora più urticante perché il ministro ha usato la sua solita spocchia per replicare in maniera arrogante e scorretta ai rilievi che gli hanno fatto tutti i leader di partito. Non è un caso che anche personaggi autorevoli della maggioranza, come Bossi o Stracquadanio abbiano preso le distanze.

LA PEGGIORE ITALIA SIETE VOI!

giugno 16, 2011 in Lavoro, Politica

Visualizza il Video su Youtube

Siete voi, signor Stracquadanio e signor Brunetta, i peggiori rappresentanti della peggiore Italia. Non i precari, incredibilmente insultati dal ministro Brunetta, non i dipendenti della pubblica amministrazione, oltraggiati da un autorevole esponente della maggioranza come Stracquadanio.  Oggi Francesco Merlo, su Repubblica, dice che “quando in Italia un regime sta per finire c`è come un lampo di presagio nelle fughe più o meno consapevoli come questa di Brunetta, e si sente il rantolo negli oltraggi immotivati e nella trasformazione in ghigno del piglio da guascone dei potenti” E poi, ancora Merlo, cita una frase che Curzio Malaparte disse a uno dei peggiori squadristi del regime, Farinacci: “tu, come animale politico, sembri nato dall`innesto di un lupo con una pecora, ma non si capisce bene se da quell`innesto è nato un lupo vigliacco o una pecora feroce”. Brunetta e Stracquadanio leggano la domanda di Malaparte e si diano anche la risposta. Intanto gli italiani la risposta alla loro odiosa arroganza l’hanno già data. Ne prendano atto.

STRACQUADANIO VUOLE AUMENTARE GLI STIPENDI DEI PARLAMENTARI CHE LAVORANO: E' FOLLIA SOLO PENSARLO

maggio 10, 2010 in Senza categoria

In una situazione di gravissima crisi economica, con famiglie che non riescono ad arrivare alla fine del mese, è una follia che un parlamentare osi soltanto pensare di aumentarsi lo stipendio.
Spiace che l’esponente del Pdl non abbia invece previsto il ritiro dell’indennità se i Parlamentari non fanno niente. Il parlamento è fermo dall’inizio della legislatura, sequestrato per risolvere i problemi di Berlusconi, dei suoi ministri e sottosegretari.
Stracquadanio stia tranquillo, se la Maggioranza la smettesse di prendere solo ordini dal Presidente del Consiglio e si decidesse ad esaminare provvedimenti che servono al Paese e che l’IdV ha presentato in numero cospicuo, l’Italia avvertirebbe meno la pesante crisi internazionale.