Da noi nessun attacco, ma ricerca di verità

agosto 10, 2012 in Comunicati Stampa

“Parlare di attacchi dell’Italia dei Valori al Presidente della Repubblica, quando quello che abbiamo fatto è chiedere con determinazione che sia fatta chiarezza sulla trattativa fra Stato e mafia, è proprio sbagliato. Noi abbiamo solo ansia di verità, vogliamo che sia fatta piena luce perché è il nostro dovere, lo dobbiamo agli italiani, che come noi, in oltre 60mila hanno già firmato l’appello del Fatto Quotidiano”. Lo dichiara il presidente dei Senatori dell’Idv, Felice Belisario.

“La Procura – continua il Presidente – sta verificando se sia esistita una trattativa tra la principale organizzazione criminale italiana e lo Stato , e sentenze passate in giudicato dicono così. Forse qualcuno crede che gli italiani non debbano sapere se pezzi dello Stato sono stati talmente infedeli da trattare con la mafia? Dopo capiremo perché, quali sono state le ragioni della ignobile trattativa, ma innanzitutto noi crediamo di dover sapere”.

“La nostra storia contiene già troppe ombre, troppi misteri. Le faticose indagini sulle stragi sono certamente le più insidiose per i poteri che hanno complottato sulla nostra Repubblica. Provare a mettere sotto inchiesta l’intera procura di Palermo, che è quello che il Procuratore Generale della Corte di Cassazione si propone di fare, è una speculazione inaudita. Per questo riteniamo che sollevare il conflitto di attribuzione da parte del Capo dello Stato sia stato assolutamente inopportuno”, conclude Belisario.

Ragion di Stato non protegga servizi segreti deviati

agosto 2, 2012 in Comunicati Stampa

“Nessuno si azzardi ad apporre la ragion di stato sulla trattativa stato-mafia perché se c’è stata trattativa, ed è ormai evidente che ci fu, vuol dire che sono stati commessi molti reati. Il segreto di Stato va ristretto ai problemi che riguardano la sicurezza del Paese, per prevenire attentati terroristici di gruppi organizzati nazionali e internazionali, non per proteggere frange infedeli dello Stato”. Lo ha dichiarato il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, intervenendo alla trasmissione “Cominciamo bene” su Raitre, dedicata all’anniversario della strage di Bologna e al tema del segreto di Stato.

“L’Italia dei Valori – continua Belisario – si è schierata con la procura di Palermo, non perché ne siamo tifosi, ma perché esigiamo la verità, unico pilastro di una democrazia degna di questo nome. La debolezza della politica da troppo tempo cerca di nascondere sotto la sabbia la verità macroscopica delle stragi fatta di depistaggi, di servizi segreti deviati, di morti che non hanno avuto mai giustizia, di famiglie che non saranno mai risarcite, come è successo ad esempio a Brescia. Tiriamo fuori gli scheletri dall’armadio, il Paese lo aspetta da troppo tempo, lo dobbiamo per il rispetto a chi ha perso la vita e alle loro famiglie, a cominciare dalle vittime della strage di Bologna, di cui oggi ricorre l’anniversario”, conclude il Presidente Idv.

Su trattativa Stato-mafia vogliamo solo la verità. Nessuna speculazione

luglio 20, 2012 in Comunicati Stampa, Giustizia

“Mi dispiace constatare che il capo dello Stato non colga ancora il vero motivo che ci ha spinto in questi giorni a difendere  i magistrati di Palermo e a chiedergli di rinunciare a sollevare il conflitto di attribuzioni”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “l’intenzione dell’Italia dei Valori è solo quella di fare chiarezza, al più presto, sulla trattativa Stato-mafia. Sono passati troppi anni e questo resta ancora il Paese dei misteri irrisolti. Non ce lo possiamo permettere dal momento che, oggi come non mai, i cittadini indignati dalla malapolitica chiedono trasparenza alle Istituzioni, la cui credibilità è davvero sottozero. Napolitano – conclude Belisario – non si faccia sviare da chi vuole oscurare la verità, manipolando le nostre posizioni. Se, come credo, abbiamo lo stesso obiettivo, ovvero difendere l’indipendenza della magistratura e non frapporre alcun ostacolo  all’accertamento della verità sulle stragi mafiose, passiamo dalle parole ai fatti”.

Trattativa Stato-mafia: le istituzioni devono cercare la verità, il Pd se ne faccia una ragione

giugno 17, 2012 in Politica

Antonio Di Pietro ha espresso le sue preoccupazioni sui nuovi scenari della trattativa tra Stato e mafia, annunciando di interpellare formalmente il Ministro della Giustizia a proposito dell’intervento del Colle nella vicenda Mancino. Il solito corazziere improvvisato è scattato sull’attenti e ha gridato allo scandalo, ma non accettiamo lezioncine né minacce da Enrico Letta, che ha dimostrato il suo rispetto per le istituzioni mandando pizzini a Monti: un comportamento che non ha fatto onore né al Governo che sostiene, né al partito che rappresenta. Gli esponenti del Pd si confrontino piuttosto sul tema sollevato da Di Pietro, invece di buttare la palla in tribuna. Mi domando se in democrazia, pur con tutto il rispetto che si deve portare alle istituzioni, anche quelle di garanzia, è possibile il diritto di critica oppure se vi sia in Costituzione un articolo che proclami la infallibilità del Capo dello Stato. Io non l’ho trovato, se qualcuno vuole indicarmelo, gliene sarò riconoscente… Continua a leggere →