L’arbitro sospenda la partita per impraticabilità del campo

luglio 31, 2012 in Politica

Il campo è ridotto un acquitrinio e il pallone non rimbalza più. L’arbitro sospenda la partita, al più presto. Ho usato questa metafora nel mio intervento di questa sera al Senato perché il governo ha deciso di mettere la fiducia per la seconda volta in 24 ore su due provvedimenti diversi. Continua a leggere →

Presenteremo in Aula i nostri emendamenti al dddl sui partiti, bisogna fare di più

luglio 3, 2012 in Comunicati Stampa

 ”L’Italia dei valori è contraria al finanziamento pubblico ai partiti, con un referendum gli italiani hanno già chiesto la sua abolizione e ribadiremo questo principio quando il provvedimento approderà in Aula. Non abbiamo voluto dare pretesti ai partiti, già pronti a trattenere la tranche finale dei rimborsi, ma in quella sede riproporremo i nostri emendamenti affinché la politica metta giù le mani dal sacco”. Lo dichiara il Presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario. “L’IdV – aggiunge – ha insistito affinché i partiti devolvessero l’ultima rata dei finanziamenti alle popolazioni colpite dal sisma, rispettando un impegno preso nei confronti di chi soffre che la politica deve onorare al più presto. Noi avevamo comunque deciso di destinare la rata di luglio ai cittadini dell’Emilia perché, a differenza di altri, non abbiamo bisogno di provvedimenti ad hoc. Chiediamo alla strana maggioranza, sempre pronta ad imporre sacrifici ai cittadini, di fare molti più sforzi – conclude Belisario – per migliorare e rendere credibile agli occhi dei cittadini il ddl all’esame del Senato”.

Terremoto, su tranche partiti non perdere tempo

luglio 3, 2012 in Comunicati Stampa

“Come promesso da tempo i sindaci dei comuni terremotati dell’Emilia possono contare sul contributo dell’Italia dei Valori, anche se le Camere non approveranno una legge ad hoc. Lo abbiamo già ribadito: consegneremo ai terremotati il nostro assegno dell’ultima rata dei rimborsi elettorali delle politiche del 2008 e ci aspettiamo che anche gli altri facciano lo stesso”. Lo dichiara Felice Belisario, capogruppo Idv a Palazzo Madama.

“I partiti – continua Belisario – non possono dormire sugli allori: è necessario attivarsi subito con qualsiasi strumento legislativo per fare in modo che i soldi arrivino presto a destinazione. C’è tempo fino al 31 luglio, dopo quella data i soldi torneranno alla casta, mentre l’Emilia sta vivendo una vera e propria emergenza e ha bisogno della massima solidarietà. Incassare l’ultima tranche dei rimborsi sarebbe una vera beffa. La maggioranza che sostiene il Governo si attivi subito, se non vuole  essere ricordata come un Robin Hood al contrario, che toglie ai terremotati per dare ai partiti”, conclude Belisario.

La prevenzione per terremoti e frane riduce i rischi e porta lavoro

giugno 7, 2012 in Ambiente, Basilicata, Economia

Il Paese va messo in sicurezza perché le grandi calamità, inevitabili per certi versi, non creino più i danni a cui assistiamo oggi. L’Italia ha almeno due grandi problemi: i terremoti e le frane. Per entrambi c’è bisogno di un grande piano di messa in sicurezza del territorio perché solo la prevenzione riduce i rischi.

Non solo. Siamo in una fase di grande crisi economica e rilanciare i consumi e l’occupazione con un puntuale piano di lavori pubblici potrebbe essere un volano intelligente. Continua a leggere →

Le istituzioni rischiano di diventare sepolcri imbiancati, e non è un bene

giugno 3, 2012 in Politica

Sono preoccupato perché la distanza tra le istituzioni e i cittadini cresce di continuo. Un esempio. Il presidente della Repubblica ieri ha attaccato Antonio Di Pietro perché ha “osato” criticare la decisione di tenere la parata militare del 2 giugno invece di spendere i soldi che si sarebbero risparmiati per i terremotati. Continua a leggere →

L’ipocrisia del 2 giugno e il no dell’Italia dei Valori alla parata

giugno 2, 2012 in Politica

Nel 1976, l’allora presidente del Consiglio Arnaldo Forlani, a poco meno di un mese dal tragico terremoto del Friuli, annunciò che la celebrazione del 2 giugno sarebbe stata annullata. Fu considerata, allora, una decisione di buon senso e di rispetto per le vittime del sisma. L’Italia dei Valori ha chiesto la stessa cosa qualche giorno fa, dopo il terremoto in Emilia e, in più, ha chiesto che i soldi non ancora spesi ma stanziati fossero destinati alla ricostruzione. Continua a leggere →

Il terremoto non è prevedibile, ma i danni di una legge sbagliata sì

maggio 22, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

“I terremoti non sono prevedibili, ma i danni di una legge sbagliata sì ed è per questo che il presidente del consiglio a Ferrara è stato duramente contestato. Le province dell’Emilia Romagna, già tragicamente colpite dal terremoto, non possono essere ‘punite’ con un provvedimento ingiusto ed iniquo come quello recente sulla riforma della Protezione civile”. Lo ha dichiarato Felice Belisario, Presidente dei Senatori dell’Italia dei Valori, che aggiunge: “E’ vero che gli italiani hanno una straordinaria capacità di reagire, come dice Monti, ma vanno aiutati a rialzarsi, perché ora sono in ginocchio. Far gravare sulle loro spalle anche l’aumento delle accise sui carburanti sarebbe davvero una beffa. Il dramma delle famiglie colpite dalla calamità impone al Governo di cancellare subito la tassa sulle disgrazie e di emanare un provvedimento urgente che esenti immediatamente i cittadini colpiti dal pagamento di tutte le imposte. Non serve sospendere i tributi o dilazionarli – conclude Belisario – vanno cancellati senza se e senza ma, se si vuole davvero aiutare un territorio in grande difficoltà a riprendersi”.

No alla tassa sulle disgrazie, Stato sia solidale

maggio 21, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

“Le parole di cordoglio e la vicinanza alle persone colpite dal terremoto dell’Emilia non servono a nulla se poi non sono accompagnate da serie misure di sostegno”. Lo dichiara Felice Belisario, Presidente dei Senatori dell’Italia dei Valori, che aggiunge:  “Infatti, aumentare di 5 centesimi la benzina a livello nazionale e altri 5 centesimi a livello regionale è la solita soluzione facile che in realtà non risolve un bel nulla e grava sempre e solo sui cittadini già tartassati e colpiti direttamente dagli eventi calamitosi. Il vero errore, che deve essere subito corretto,  è costituito dal recentissimo decreto legge sulla Protezione civile,  provvedimento che prevede la non copertura da parte dello Stato dei danni causati dal terremoto. I cittadini non possono essere lasciati soli. Gli sbagli possono essere corretti, serve solo la volontà per farlo. Le popolazioni colpite hanno adesso bisogno di immediato sostegno finanziario, che non può passare attraverso l’ennesima tassa sulle disgrazie, ma – conclude Belisario – deve fondarsi sul principio della solidarietà dello Stato nei confronti dei cittadini”.