Onorare Dalla Chiesa per non dimenticare un eroe del nostro tempo

settembre 3, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

“Il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa è stato un esemplare servitore dello Stato, un eroe del nostro tempo, da ricordare sempre. Oggi, più di ieri, il suo sacrificio sia un monito per quanti si ostinano a non voler conoscere la verità della trattativa tra Stato e mafia”. Così il senatore Felice Belisario, capogruppo dell’Italia dei Valori a Palazzo Madama, ricorda l’ anniversario dell’agguato mafioso di via Carini, a Palermo, nel quale vennero uccisi, assieme al generale  Dalla Chiesa, la moglie Emanuela Setti Carraro e l’agente di scorta, Domenico Russo. “Carlo Alberto Dalla Chiesa si è sempre impegnato in modo integerrimo nella lotta alla criminalità organizzata e al terrorismo;  mai un tentennamento, nessun passo indietro di fronte alle connivenze della mafia con il mondo della politica e degli affari. Oggi abbiamo tutti il dovere di onorare il suo sacrificio sostenendo il lavoro proseguito dalla magistratura in questi anni, senza aver paura della verità. Per questo l’Italia dei Valori chiede al governo di costituirsi parte civile nel processo sulla trattativa, un segnale forte e doveroso nei confronti di chi ha perso la vita in nome dello Stato. Solo così si può ridare fiducia ai cittadini e futuro al Paese”.

 

Napolitano ascolti Zagrebelsky

agosto 19, 2012 in Giustizia, Politica

Per evitare che la trattativa di inizio anni 90 tra lo stato e la mafia resti uno dei tanti misteri irrisolti di questo Paese c’è un solo sistema: consentire alla Procura di Palermo che sta indagando di continuare a fare il proprio mestiere. Si tratta di una questione molto semplice, se c’è una notizia di reato il magistrato indaga. Se si trovano delle prove si va a processo, se non si trovano il procedimento viene archiviato. Impedire al giudice naturale di indagare significa voler insabbiare quell’inchiesta. Continua a leggere →

La magistratura è sotto assedio, a Taranto come a Palermo

agosto 14, 2012 in Giustizia

C’è qualcosa che accomuna i giudici di Palermo e quelli di Taranto. Qualcosa che ci fa tornare indietro di 250 anni, a prima dell’illuminismo e della rivoluzione francese. La magistratura in queste due città, ma in passato è toccato ad altre, è attaccata dagli altri due poteri dello Stato, l’esecutivo e il legislativo. Il primo, dai tempi di Berlusconi ormai, non risparmia certo i suoi insulti, mentre dalle camere più volte si sono alzate parole di condanna verso l’operato dei giudici e verso le sentenze, tanto che con provvedimenti legislativi di dubbia costituzionalità (vedi ad esempio la riduzione dei tempi di prescrizione o il tentativo di modificare la norma sulle intercettazioni ambientali) si è provato a minare i poteri dell’organo giudiziario. Continua a leggere →

Da noi nessun attacco, ma ricerca di verità

agosto 10, 2012 in Comunicati Stampa

“Parlare di attacchi dell’Italia dei Valori al Presidente della Repubblica, quando quello che abbiamo fatto è chiedere con determinazione che sia fatta chiarezza sulla trattativa fra Stato e mafia, è proprio sbagliato. Noi abbiamo solo ansia di verità, vogliamo che sia fatta piena luce perché è il nostro dovere, lo dobbiamo agli italiani, che come noi, in oltre 60mila hanno già firmato l’appello del Fatto Quotidiano”. Lo dichiara il presidente dei Senatori dell’Idv, Felice Belisario.

“La Procura – continua il Presidente – sta verificando se sia esistita una trattativa tra la principale organizzazione criminale italiana e lo Stato , e sentenze passate in giudicato dicono così. Forse qualcuno crede che gli italiani non debbano sapere se pezzi dello Stato sono stati talmente infedeli da trattare con la mafia? Dopo capiremo perché, quali sono state le ragioni della ignobile trattativa, ma innanzitutto noi crediamo di dover sapere”.

“La nostra storia contiene già troppe ombre, troppi misteri. Le faticose indagini sulle stragi sono certamente le più insidiose per i poteri che hanno complottato sulla nostra Repubblica. Provare a mettere sotto inchiesta l’intera procura di Palermo, che è quello che il Procuratore Generale della Corte di Cassazione si propone di fare, è una speculazione inaudita. Per questo riteniamo che sollevare il conflitto di attribuzione da parte del Capo dello Stato sia stato assolutamente inopportuno”, conclude Belisario.

Ho firmato l’appello del Fatto sulla trattativa Stato-mafia

agosto 9, 2012 in Giustizia, Politica

Ho firmato l’appello online del Fatto Quotidiano affinché sia fatta piena luce sulla trattativa Stato-mafia dell’inizio degli anni 90 e perché la Procura di Palermo possa continuare a indagare senza interferenze, soprattutto di carattere istituzionale. Troppo spesso i magistrati sono stati lasciati soli e molte volte hanno pagato con la vita la propria solitudine. Continua a leggere →