Panorama e il ricatto a Napolitano: cui prodest?

agosto 30, 2012 in Giustizia, Politica

Secondo alcuni esponenti del Pd, l’IdV si è esclusa dall’alleanza di centrosinistra quando ha osato criticare Napolitano. In democrazia mi sembra lecito muovere delle obiezioni sul conflitto di attribuzioni sollevato dal Capo dello Stato, che mette in difficoltà la Procura di Palermo impegnata a far luce sulla trattativa tra Stato e mafia. Non siamo certo in un soviet dove ogni atto del leader maximo è indiscutibilmente giusto e chi lo disapprova viene esiliato. Le alleanze si dovrebbero costruire sulle proposte di governo, non sulle diverse posizioni rispetto ad una vicenda come quella delle intercettazioni in cui è incappato Napolitano per responsabilità, evidentemente, dell’indagato Mancino. Invece il Pd, che governa con chi ha sempre infangato le istituzioni, fa lo schizzinoso con noi solo perché chiediamo a gran voce la verità, che certo non può essere insabbiata in nome di una presunta ‘infallibilità del Capo dello Stato. Ora finalmente, grazie a “Panorama” e al suo editore (la Mondadori di Berlusconi), per i dirigenti democratici la situazione sarà più chiara: l’articolo sul contenuto delle famigerate conversazioni ha mostrato in maniera lampante chi vuole giustizia, come l’Italia dei Valori, e chi invece strumentalizza la vicenda e vorrebbe ricattare Napolitano per fini politici. Scommettiamo che ora faranno la legge-bavaglio? Continua a leggere →

A chi non piace la foto di Vasto?

maggio 27, 2012 in Italia dei Valori, Politica

Nel settembre 2011 Bersani, dopo un lungo tira e molla, si presentò alla annuale kermesse di Vasto organizzata dall’Italia dei Valori. Con Di Pietro e Vendola, sotto la guida di un vivace Enrico Mentana, diede vita ad un quadretto politico su cui molti esteti della politica hanno espresso valutazioni discordanti ed anche gli stessi protagonisti, da allora ad oggi, hanno preso strade diverse.
Continua a leggere →

Ecco la Rai che vogliamo

marzo 27, 2012 in Informazione, Italia dei Valori

Visualizza il Video su Youtube

C’erano Di Pietro e Santoro, Travaglio e Annunziata, Zaccaria e Verna, Mazzetti e Siddi, tutti insieme per parlare di Rai e di una riforma che consenta, una volta per tutte, di impedire ai partiti di occupare la televisione pubblica. Non a caso il convegno che abbiamo organizzato questa mattina a Roma era intitolato “OccupyRai”. Insieme al mio collega Donadi e agli esponenti dell’Idv in commissione di Vigilanza, Pardi e Formisano, abbiamo presentato la proposta già depositata in Parlamento di riforma della governance: attribuire la proprietà della Rai a una Fondazione i cui organi siano espressione della società civile, che attraverso la comunità degli abbonati e dei lavoratori conquisti un reale potere d’intervento nel governo del servizio pubblico radiotelevisivo.

La Rai senza partiti, ne parliamo in un convegno con Di Pietro, Santoro e Travaglio

marzo 26, 2012 in Informazione

Il mandato del consiglio di amministrazione della Rai scade mercoledì 28 marzo e i principali partiti stanno già preparandosi a spartirsi la torta. Certo, a sentire le dichiarazioni di questi giorni di esponenti di Pd e Pdl pare che ognuno non voglia partecipare alla lottizzazione, ma chi ci crede?

Quando oggi ho sentito una dichiarazione del figlioccio politico di Berlusconi, Angelino Alfano, mi sono sentito preso per i fondelli. Alfano ha avuto il coraggio di dire che il suo partito si opporrà se qualcuno mette le mani sulla Rai. Senza parole!

Per questo domani, alla vigilia della scadenza del Cda, l’Italia dei Valori ha organizzato alla sala delle Colonne di Roma, in via Poli, un convegno con ospiti illustri per immaginare la Rai del futuro, senza partiti. Continua a leggere →

Vasto resta un punto di partenza

marzo 8, 2012 in Politica

Da qualche giorno si fa un gran parlare della foto di Vasto, con l’immancabile litania di quanti chiedono che quella foto sia strappata a tutti costi. Io ero e resto convinto, invece, che Vasto possa rappresentare un punto di partenza per un nuovo centrosinistra, il primo mattone nella costruzione di una coalizione in grado di vincere le prossime elezioni, governare bene e a lungo e archiviare definitivamente il berlusconismo. Continua a leggere →

Dal “porto delle nebbie” un rinvio a giudizio assurdo per De Magistris

gennaio 22, 2012 in Giustizia

Chi mi legge sa che non commento mai le decisioni della magistratura e sono rispettoso delle sentenze perché sono convinto che i giudici debbano agire in piena autonomia e senza alcun tipo di pressione esterna.
Consentitemi, però, una volta tanto, di sbuffare di fronte a una decisione che trovo semplicemente assurda. Per tre motivi, che condivido con l’editoriale di Marco Travaglio pubblicato dal Fatto di questa mattina.
La questione riguarda il rinvio a giudizio di Luigi De Magistris e Gioacchino Genchi per abuso d’ufficio sulla vicenda Why not. Continua a leggere →

8 DOMANDE AL DG LORENZA LEI: RISPONDA AI CITTADINI E SAPREMO SE L’ITALIA HA UNA TV PUBBLICA

giugno 10, 2011 in Informazione, Politica

Sulla situazione della Rai si stanno facendo troppi discorsi vaghi e inconcludenti. La politica ha il dovere di assumersi le proprie responsabilità, anche quando sono scomode e sconvenienti: perciò basta con i giri di parole, è ora di dire chiaramente che il cambio di direzione generale della televisione pubblica è stato l’atto definitivo di occupazione della Rai. La drastica conclusione della vicenda ‘Annozero’ lo dimostra chiaramente. Chi dal siluramento di Masi si aspettava una sconfitta di Palazzo Chigi, è stato poco lungimirante: con la nomina di una figura in apparenza super-partes come quella della dottoressa Lei, il Cavaliere ha vinto la partita sul controllo dei mass media. E così abbiamo perso tutti noi. Sì, perché  il nuovo direttore generale è una micosi che sta infettando e destabilizzando dall’interno il servizio radiotelevisivo pubblico. Continua a leggere →

AMBRA E CHIARA NIPOTI DI CARLA BRUNI? FORSE PER QUESTO LA BUGNANO LE HA DIFESE

aprile 13, 2011 in Politica

Ebbene sì. La tesi del complotto contro Berlusconi è vera. A questo punto credo sia meglio confessare tutto.

Siamo stati noi dell’Italia dei Valori ad architettare un piano per rovinare il presidente del Consiglio. E’ nostra la regia politica, come qualche illuminato esponente del Pdl ha detto in queste ore. Purtroppo la mia collega senatrice Bugnano si è fatta scoprire. Continua a leggere →