Sempre meno italiani in vacanza, Paese arranca

giugno 15, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Politica, Senza categoria

“Il trend negativo del settore terziario, registrato dalla Confesercenti, è da considerare un ulteriore campanello d’allarme per un Paese che arranca fra mille incertezze e  senza alcuna prospettiva di crescita.  Le famiglie vivono momenti difficili e con esse, è ovvio,  soffrono l’economia, l’occupazione e i conti pubblici”. Lo dichiara il senatore Felice Belisario, capogruppo dell’Italia dei Valori a Palazzo Madama, che aggiunge: “Se il solo il 66% degli italiani può permettersi di partire per una vacanza, è chiaro che il Paese è in caduta libera. La scelta di progetti di sviluppo economico mirato e rapido è oggi la priorità, ma ancora il governo Monti non è riuscito a fare niente di concreto. Se anche il decreto Sviluppo sarà, come temo, una scatola vuota,  all’esecutivo dei tecnici non resterà che togliere il disturbo.  E’ tempo di costruire una proposta politica vera e condivisa di sviluppo economico e sociale, dove il rigore sia coniugato all’equità. E’ ora che si inverta una tendenza che – conclude Belisario – appare francamente suicida”.

 

Rosy Mauro si dimetta da vicepresidente del Senato, lo scandalo non può infangare le istituzioni

aprile 7, 2012 in Politica

I vertici leghisti assicurano che faranno pulizia e non vogliono che le Procure o la politica mettano il becco nei loro affari. Ma è in gioco la credibilità della politica italiana, mica quella della Padania che nessuno ha mai preso sul serio! La bufera che si è abbattuta sul Carroccio non può essere risolta nelle chiuse stanze di via Bellerio, dall’inchiesta emerge l’allegro sperpero di soldi pubblici concessi per esercitare un’essenziale funzione democratica, non per pagarsi diplomi e lauree. Beata ignoranza: Bossi assicura di non averne mai saputo niente, ma si è dimesso da segretario. Bene, faccia altrettanto anche Rosy Mauro e lasci la vicepresidenza del Senato, lo scandalo non può trascinare nel fango le istituzioni della Repubblica. La magistratura farà il suo corso, ma ragioni di opportunità impongono un passo indietro da parte di chi ricopre cariche così importanti ed è al centro di una vicenda gravissima, squallida e infamante. Continua a leggere →