Super-Mario Monti? Speriamo di non perdere nuovamente 4 a 0…

luglio 3, 2012 in Senza categoria

Il premier è venuto in Senato a riferire sul vertice europeo del 28 e 29 giugno, da più parti dipinto come il trionfo di Monti. La realtà è ben diversa: ha vinto ancora una volta l’Europa della finanza, non quella delle economie reali. Il Consiglio Europeo, insomma, si è risolto in un accordo a favore delle banche piuttosto che della crescita, il tema dell’unione politica oltre che monetaria continua ad essere rinviato  e le decisioni prese a Bruxelles stentano ad avere effetti sulla crisi che sta corrodendo la stessa coesione sociale. L’Europa deve fondarsi sui valori della solidarietà e dello sviluppo comune, non della speculazione dei più forti ai danni dei più deboli: questo sì che sarebbe un successo da festeggiare, magari in un futuro prossimo, ma serve un deciso cambio di rotta per evitare che le speranze di vittoria lascino il posto ad un’amara sconfitta. Di seguito il testo del mio intervento in Aula. Continua a leggere →

Dal vertice di ieri l’ennesimo annuncio sullo sviluppo, ma i soldi per salvare le banche spagnole li hanno stanziati subito

giugno 23, 2012 in Comunicati Stampa, Esteri

“Il vertice di ieri tra Italia, Germania, Francia e Spagna ha lasciato un retrogusto amaro perché è servito solo a risolvere i problemi finanziari e delle banche, ieri quelle spagnole”. Lo ha detto il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario. “Sullo sviluppo, invece, abbiamo assistito al solito annuncio e tutto è stato rinviato a un nuovo vertice a fine mese,nonostante il rullo di tamburi e lo squillar di trombe dei commentatori di regime nostrani. Diamo atto solo al presidente francese Hollande, almeno, di essere riuscito a imporre la discussione sulla crescita e a strappare qualche sì sulla tobin tax sulla quale l’Italia (vecchia proposta dell’IdV), invece di aderire entusiasticamente, si è addirittura riservata di pronunciarsi. Di quest’Europa dei banchieri e della finanza, lontana dalle istanze dei cittadini, francamente cominciamo a essere stufi. Un’inversione di rotta è ormai indispensabile ma serve dar peso e sostegno alle istanze di Hollande, troppo isolato al momento dai neoliberisti degli altri paesi, Italia compresa”.

Il ddl sul lavoro è bene che non sia approvato, si voti piuttosto la sfiducia al Ministro Fornero

giugno 17, 2012 in Comunicati Stampa

“Governo e maggioranza continuano ad essere distanti anni luce dal Paese reale. Le grandi manifestazioni di piazza non possono essere calpestate da una corsa con i paraocchi verso il varo del ddl sul lavoro. E’ bene che la riforma non sia approvata nell’interesse dei lavoratori e del mondo produttivo, perché si tratta di un provvedimento inutile e dannoso: è lo scalpo delle fasce sociali più deboli che Monti vuole esibire al vertice Ue del 28 giugno”. Lo dichiara il Presidente dei Senatori IdV, Felice Belisario. “Il Parlamento – aggiunge – deve piuttosto ascoltare l’esasperazione dei cittadini e votare la mozione di sfiducia al Ministro del lavoro che non c’è, Elsa Fornero, responsabile della crescente disoccupazione, della devastante riforma sulle pensioni e del dramma degli esodati. Di fronte ad un Paese in recessione il Governo non ha saputo far altro che approvare i licenziamenti facili, smantellando l’articolo 18, senza preoccuparsi di creare occupazione, affrontare il precariato o estendere gli ammortizzatori sociali. L’Italia dei Valori non accetterà alcuna forzatura che esautori il ruolo delle opposizioni, contro la riforma del lavoro – conclude Belisario – continueremo a dare battaglia in Parlamento e nelle piazze a difesa della democrazia”.

 

La riforma della Giustizia va discussa in Parlamento, ABC società ad arroganza illimitata

marzo 30, 2012 in Comunicati Stampa, Giustizia, Politica

“Di giorno litigano e di notte, come i ben noti ladri di Pisa, si accordano per spartirsi tutto, anche i voti degli altri. Non si tratta solo di inciucio, ci troviamo davanti a una vera e propria società ad arroganza illimitata: i soci dell’ABC stanno provando a forzare in modo inconcepibile le istituzioni repubblicane con accordi di basso profilo su corruzione, intercettazioni e responsabilità civile dei giudici. Questo l’IdV lo griderà sempre e dovunque, finché avrà fiato in gola”. Così il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, a proposito del vertice sulla Giustizia tra il ministro  Severino e i capigruppo dei partiti di maggioranza. “Sappiamo di essere scomodi per governo e per le forze che lo sostengono – aggiunge -, ma proprio per questo raddoppieremo le nostre energie per sconfiggere la restaurazione che si nasconde dietro la facciata delle riforme. Occorre infatti davvero una grande fantasia e una buona dose di sfacciataggine per parlare di trasparenza nel metodo con cui, ormai, governo e maggioranza decidono quali sono le riforme da fare e come farle. Il Parlamento è infatti considerato solo un fastidio, il confronto in Aula e nelle commissioni una perdita di tempo. Tutto viene prestabilito in incontri riservati senza alcuna trasparenza – conclude Belisario -, con buona pace delle regole base della democrazia. Tanto c’è sempre una fiducia dietro l’angolo con cui annullare ogni voce di dissenso”.

La foto di Palazzo Chigi è tetra, quella di Vasto è solare

marzo 16, 2012 in Politica

Almeno due dei tre protagonisti del vertice notturno con Mario Monti (Alfano e Bersani) si sono affrettati a dire che la foto scattata e twittata questa notte da Pier Ferdinando Casini non sostituisce la foto di Vasto. Io lo spero per loro, perché diversamente si tratterebbe di un inciucio talmente enorme da potersi definire, per usare il gergo del ciclismo per i tapponi di montagna più duri, fuori categoria. I tre, ritratti seduti, come fossero i viceré dell’imperatore Monti, in piedi a vegliare su di loro e a decidere i loro destini.  Continua a leggere →

Foto ABC-Monti poco rassicurante, vertice da prima Repubblica

marzo 16, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

“A quanto pare siamo ritornati ai vertici della prima Repubblica e la foto, scattata apposta per farla circolare in rete, è davvero poco rassicurante. Oggi il Paese ha tre Vicepremier comandati da Monti che tiene, non solo i fili delle cose da fare, ma ha nelle mani Pd, Pdl e Terzo Polo”. Lo ha detto Felice Belisario, Presidente dei Senatori dell’Italia dei Valori a Radio Anch’io a proposito del vertice che si è tenuto ieri a palazzo Chigi . “Se davvero si farà una riforma del sistema lavoro che restituisca ad una vita normale i precari e che incentivi le imprese ad assumere e a stabilizzare ben venga, se invece diminuiranno i diritti, e vedremo come verrà riscritto l’art. 18, l’Italia dei Valori farà una dura opposizione”.  ”Quanto alla giustizia – prosegue – ho l’impressione che ci sia stato uno scambio tra Pd e Pdl: sì all’anticorruzione, che il Pd viva Dio vuole rimarcare, e sì alla rivisitazione delle intercettazioni perché lo vuole il Pdl. Certo è che se se intendono proporre una nuova norma bavaglio, alla fine non si potrà efficacemente combattere la corruzione e il Pd se ne andrà con le pive nel sacco! Adesso c’è un accordo di tre leader che ricalca riga per riga quanto proposto-imposto dal governo. Mi auguro – conclude Belisario – che l’esecutivo e questa maggioranza la smettano di chiedere la fiducia su ogni provvedimento, altrimenti l’Italia dei Valori sarà costretta a rivolgersi al Capo dello Stato affinché il parlamento non sia di continuo commissariato”.

Perchè la strana coppia Alfano-Bersani litiga?

marzo 7, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

“Per Alfano l’incontro con il governo era finalizzato soltanto alla spartizione delle poltrone Rai e a varare una riforma della giustizia, parola che da sola fa venire l’allergia a Berlusconi. Invece, Bersani smentisce parlando di atteggiamento incredibile e Monti annulla l’incontro, mettendoci una toppa peggiore del buco. Nel momento di particolare difficoltà in cui si trova il Paese, la strana coppia, d’intesa con il supertecnico Monti, non pensa che a spartirsi qualche poltrona, almeno stando a quanto dichiara uno dei due. Davvero un comportamento arrogante e insopportabile, mentre dilagano la corruzione e il malaffare, con i cittadini pronti a prendere i forconi contro la cattiva politica”. Lo afferma in una nota il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario.

Il Governo è politico, si regge sul partito “Abc”. La manovra è il suo frutto avvelenato

dicembre 23, 2011 in Comunicati Stampa

 

“Non si muove foglia che la nuova coalizione (Pdl, Pd e Udc) non voglia. Monti incontra di nuovo gli azionisti di maggioranza del governo e certo non solo per scambiarsi gli auguri di Natale”. Lo dichiara il presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “E’ chiaro che questo esecutivo è ormai politico a tutti gli effetti e il presidente del consiglio ha bisogno di essere guidato da una cabina di regia, quella delle prime tre lettere dell’alfabeto, per ogni passo che intende compiere. E’ ufficiale: il governo si regge sul partito ABC”.

 

“L’Italia dei Valori lo ripete da giorni: questo non è più un governo tecnico e sarebbe bello se Alfano, Bersani e Casini, lo ammettessero una volta per tutte, anziché offendersi o negare l’evidenza. La manovra appena varata è il frutto avvelenato di veti e ricatti incrociati e per questo non l’abbiamo votata. Vogliamo che i sacrifici chiesti adesso alle fasce più deboli del Paese siano al più presto estesi a tutti quelli che non hanno ancora pagato la loro parte. Non mancherà il nostro impegno per superare la crisi ma, lo ribadiamo, valuteremo provvedimento per provvedimento e voteremo solo quelle proposte volte al bene comune e non al bene di pochi. E’ chiaro – conclude Belisario – che questo è un governo d’emergenza e la prospettiva deve essere quella di tornare alle urne con una nuova legge elettorale e con un centrosinistra coeso e forte”.