Monti vuole la sanità solo per i ricchi

novembre 27, 2012 in Sanita’

Una volta si diceva che quando c’è la salute c’è tutto. E questo proverbio era talmente vero che in paesi socialmente avanzati come l’Italia si è creato un servizio sanitario pubblico a cui tutti possono accedere, ricchi e poveri, giovani e anziani, italiani e stranieri. Continua a leggere →

Il perché dei miei sì al fondo salva stati dell’Ue e alla modifica dell’articolo 81 della Costituzione

aprile 13, 2012 in Economia, Politica

Negli ultimi giorni avete letteralmente inondato i miei profili sui social network di richieste (e proteste) su due argomenti in particolare, temi sui quali non sarebbero bastate le 140 battute di twitter né le poche righe di facebook o google+. Argomenti per i quali era necessaria una riflessione approfondita e un po’ di tempo a disposizione. 
Sto parlando del fondo salva stati e della modifica all’articolo 81 della Costituzione. Due argomenti sui quali la maggior parte di voi non è d’accordo sul nostro voto favorevole. Provo a spiegare le ragioni dei nostri sì.  Continua a leggere →

Dal Governo la cura dei salassi: via l’articolo 18, intatto il precariato e welfare sempre più scadente. Bel lavoro…

aprile 6, 2012 in Lavoro

La tanto attesa riforma del lavoro è arrivata ma ad insaputa dei mercati, visto il rapido risalire dello spread che vola ancora verso i 400 punti. Imperterrito, il premier ha lodato se stesso e il Ministro del lavoro, ha bacchettato le parti sociali e, dopo aver millantato una grande apertura al confronto, appena ha sentito la parola “Parlamento” come al solito ha messo mano all’ipotesi di blindare il disegno di legge con la questione di fiducia. Continua a leggere →

Gli ultimi giorni di Pompei

novembre 3, 2011 in Economia, Politica

Quando fedelissimi come Isabella Bertolini, Giorgio Stracquadanio o Maurizio Paniz manifestano un forte disagio, quando due deputati finora fedeli come Ida D’Ippolito e Alessio Bonciani annunciano il passaggio dal Pdl all’Udc, quando tre (ir)responsabili passano al gruppo Misto, significa che siamo agli ultimi giorni di Pompei. Il riferimento alla cittadina vesuviana non è casuale. Pompei è il simbolo plastico della decadenza di un governo che sta cadendo a pezzi, muro dopo muro e, come nella Pompei di 2000 anni fa, la vita continua ogni giorno come se nulla stesse per accadere. Continua a leggere →

Il cattivo maestro

ottobre 31, 2011 in Economia, Lavoro, Politica

Se solo avesse un minimo senso di responsabilità, il ministro Sacconi avrebbe quantomeno chiesto scusa, avrebbe sentito il dovere di correggere il tiro. Evocare lo spettro del terrorismo in un momento di così forte tensione sociale solo per disinnescare la discussione sui licenziamenti facili e delegittimare il dissenso alla sciagurata politica economica del governo è infatti un trucco meschino, un’operazione altamente pericolosa che rimanda a certi anni bui della prima Repubblica.  Continua a leggere →

Sono a Capri per ascoltare i giovani industriali

ottobre 21, 2011 in Economia, Italia dei Valori, Lavoro, Politica, Scuola, Università e Cultura

Sono stato invitato a Capri al convegno dei Giovani industriali e ho accettato con piacere e curiosità . A stuzzicarmi è stato il titolo della manifestazione: “Alziamo il volume, diamo voce al futuro dell’Italia”. Inoltre sono stato piacevolmente colpito dalla loro esigenza di chiedere alla politica di ascoltare, un’abitudine che ultimamente il mio mondo, soprattutto una parte di esso come la maggioranza di governo, ha perso. E quindi sono venuto ad ascoltare, con la voglia di capire, quale Italia vuole l’eccellenza dei nostri giovani.

Finora ho cercato di non perdermi nulla. Sono stato attento a quel che veniva detto sul palco, ho parlato con tanti protagonisti dell’imprenditoria giovanile, ho condiviso le loro problematiche, le loro ansie, i loro timori, e sono stato colpito dal loro entusiasmo e dalla voglia di cambiare le cose.

Continua a leggere →

LA MANOVRA RISPONDE ALLE ESIGENZE DI UN ELETTORATO OCCULTO: E’ IL GOVERNO DEI COLLETTI BIANCHI

agosto 20, 2011 in Economia, Politica

La nostra economia è a rischio recessione, entro fine anno migliaia di lavoratori saranno disoccupati e le tasse locali aumenteranno a dismisura. Ecco i risultati ottenuti da chi prometteva un nuovo miracolo italiano, posti di lavoro a volontà e la riforma federalista per offrire benessere ai cittadini. Il bilancio di questi anni di Governo del centrodestra è nero come il carbone, la manovra è la sintesi di un fallimento politico che incenerisce gli slogan di Bossi e Berlusconi. Dopo aver saccheggiato il Paese, la maggioranza si sta dividendo il bottino barattando i tagli agli enti locali con un giro di vite sulle pensioni, la mancata lotta all’evasione fiscale con l’aumento dell’Iva, la svendita del patrimonio statale con la privatizzazione selvaggia. Dietro queste scelte, che evidentemente non rispondono ad esigenze di interesse pubblico, c’è un elettorato di riferimento occulto che agisce nell’ombra, quando non ci pensa la giustizia a stanarlo. È un Governo formato P4.

Continua a leggere →